S.Pellegrino Young Chef

S.PELLEGRINO YOUNG CHEF 2018

Svelati i nomi dei 10 candidati alla finale italiana. I candidati all’edizione 2018 del talent internazionale crescono del 30% rispetto allo scorso anno. 

Sempre più vivo è l’interesse per la competizione firmata S.Pellegrino, che coinvolge i migliori giovani chef da tutto il mondo. 

La strada verso la finalissima della competizione S.Pellegrino Young Chef 2018 è ancora lunga ma i candidati per le semifinali regionali sono sempre più vicini alla meta. I nomi sono stati selezionati tra migliaia di candidature in oltre 90 paesi, campo internazionale su cui S.Pellegrino ha organizzato la terza edizione dello scouting mirato a individuare il migliore giovane chef al mondo. Un’occasione unica per incontrare nuovi talenti culinari, condividere idee ed entrare in contatto con differenti culture gastronomiche. L’Italia è stata la regione con il maggior numero di candidati iscritti, a testimonianza del fermento e della vitalità della nuova cucina italia e dell’ambizione dei giovani talenti.

Questa la lista di 10 semifinalisti italiani che si sfideranno a settembre in una competizione locale il cui vincitore rappresenterà l’Italia alla competizione finale:

Manuel Bentivoglio – chef dell’Agriturismo Roccamaia a Pievebovigliana (Macerata)
Vincenzo Dinatale – sous chef presso il Ristorante Il Pellincano dell’Hotel Il Pellicano a Porto Ercole (Grosseto)
Carmelo Fiore – sous chef presso Il Luogo di Aimo e Nadia a Milano
Edoardo Fumagalli – chef de La Locanda del Notaio a Pellio Intelvi (Como)
Daniele Groppo – chef de partie presso il Ristorante Terrazza Danieli a Venezia
Alberto Lazzoni – chef de partie presso il ristorante Lux Lucis dell’Hotel Principe a Forte dei Marmi (Lucca)
Luca Natalini – chef della Taverna di Bacco a Nettuno (Roma)
Alessandro Salvatore Rapisarda – chef del Cafè Opera di Recanati (Macerata)
Antonio Sena – sous chef del ristorante Vun del Park Hyatt a Milano
Andrea Vitali – sous chef del ristorante I fontanili a Gallarate (Milano)

Ogni candidatura con la descizione del relativo piatto d’autore è stata valutata da una giuria di esperti di ALMA, centro internazionale di formazione dedicato alla Cucina Italiana, che ha avuto il compito di selezionare i finalisti locali. Gli esperti di ALMA hanno valutato le iscrizioni sulla base delle cinque “Regole d’oro” a cui ogni candidato deve fare riferimento per l’elaborazione del proprio signature dish : ingredienti, tecnica, genio, bellezza e messaggio.

“È la terza volta che abbiamo la responsabilità di selezionare i giovani chef per le finali locali, ma continuiamo a essere sorpresi dallo stile e dalla passione per l’alta cucina che gli chef riescono ad esprimere” ha dichiarato Andrea Sinigaglia, General Manager di ALMA. “Dover selezionare solo dieci semifinalisti per ogni regione non è affatto semplice. È anche nostra responsabilità accompagnare i candidati lungo il percorso di gara per far sì che la competizione sia tecnicamente ineccepibile e fortemente educativa. S.Pellegrino Young Chef non è solo un’occasione per emergere, ma anche un momento di incontro, scambio e condivisione a livello internazionale.” 

Da giugno a dicembre 2017 i semifinalisti di ogni regione si sfideranno nell’ambito delle competizioni locali. Ogni regione avrà una giuria composta da celebri chef che avranno il compito di giudicare i piatti dei semifinalisti e scegliere il migliore. Per l’Italia, la selezione locale avverrà l’11 settembre a Milano e la giuria è formata da Cristina Bowerman (Glass Hostaria, Roma), Caterina Ceraudo (Dattilo, Strongoli), Carlo Cracco (Cracco, Milano), Loretta Fanella (consulente pasticciera e Ristorante Borgo San Jacopo, Firenze), Anthony Genovese (Il Pagliaccio, Roma) e Ciccio Sultano (Duomo, Ragusa Ibla). 








 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter