CaPelletti

La Romagna a Milano in sei serate enogastronomiche

Gustare i piatti della tradizione romagnola e scoprirne la storia e le tradizioni.  
Sapori e storie di Romagna. Sono 6 gli appuntamenti per conoscere la storia della tradizione culinaria ed enologica romagnola dedicate ai milanesi. 

Appuntamento da Ca’Pelletti Locanda Italia, sotto Piazza Gae Aulenti, nel Porta Nuova Food District, per alcuni incontri enogastronomici dedicati a lasagne e cannelloni e alla pasta fresca.

A guidare le serate, Francesco Beatini, chef di Ca’Pelletti, e Cristina Fortini, sfoglina. Il primo condurrà gli incontri dedicati alla storia di due piatti della tradizioni, lasagne e cannelloni, mentre la sfoglina illustrerà tutti i segreti della pasta fresca. Ad accompagnarli, durante tutti gli appuntamenti, Lisa Fontana, Sommelier AIS, Critica Enogastronomica e Food & Wine Blogger, che condurrà gli ospiti in un percorso sensoriale di abbinamento cibo-vino con una sapiente e armonica scelta dei vini del territorio in abbinamento ai piatti proposti.

Il 30 marzo e il 13 aprile si parla di lasagne e cannelloni, mentre gli appuntamenti dedicati alla pasta fresca sono previsti il 27 marzo, il 6 aprile, il 20 aprile e il 27 aprile. Tutti gli incontri iniziano alle 19 e terminano alle 21. Il costo di partecipazione alla serata, inclusa la degustazione, è di 20 euro

Ca’Pelletti Locanda Italia, locanda tosco-romagnola, è presente a Milano dalla fine del 2015. Quello milanese è il secondo locale della catena, che è stata inaugurata nel 2011 con un ristorante nel centro di Bologna. La proposta culinaria spazia tra il meglio della cucina romagnola e toscana, con qualche escursione in Emilia. I gustosi piatti della tradizione sono al centro della carta del locale e vengono affiancati da proposte diverse in base alle stagioni. 

Qualche curiosità sui piatti di Romagna

Bartlaz: tradizionali tortelli realizzati in varie forme, diverse da ogni famiglia, tipici della cittadina di Tredozio sull’appennino Faentino, tradizionalmente farciti con quello che si riusciva a reperire in casa, le versioni più frequenti sono quelle con farcitura di patata e scarti di salume, culetto di salame, rifilature di prosciutto o pancetta, salsiccia, piadina avanzata, noi serviamo una ricetta che prevede nel ripieno piadina spezzettata, lattughino, formaggio casatella e pepe. 

Passatore: brigante che ha imperversato nelle terre di Romagna verso la metà del XIX secolo in aperto contrasto con lo stato pontificio e paladino di una terra di Romagna indipendente, ovviamente la sua figura molto controversa lo ha portato a macchiarsi di orribili delitti ma in Romagna viene ancora oggi considerato un eroe alla stregua di un moderno Robin Hood https://it.wikipedia.org/wiki/Il_Passatore

Piadina Romagnola: è il pane dei romagnoli diffuso dalla provincia di Pesaro fino a quella di Ferrara e Bologna, ogni paese ne rivendica ovviamente la paternità ed ogni paese ha una piadina diversa, normalmente la piadina si divide tra spessa, tipica della parte nord della Romagna, sottile, tipica della parte centrale fino la mare di Cesena, sfogliata, tipica della zona meridionale della Romagna indicata nella provincia di Rimini. Filo conduttore di tutte le piadine sono i 3 semplici ingredienti, farina, strutto, acqua, poi a differenza delle zone questi ingredienti vengono arricchiti con miele, latte, formaggio stagionato, e bicarbonato per renderla più leggera.
Sulla storia della piadina ci sono molte storie, la prima traccia documentata risale al 1371 ma di sicuro l’origine è molto precedente. 

Ca’ Pelletti 
Ca’ Pelletti (www.capellettilocandaitalia.it) è una catena di ristoranti di cucina tosco-romagnola. Oggi presente in Italia con due locali, uno a Bologna in Via Altabella e uno a Milano nel Porta Nuova Food District di Piazza Gae Aulenti . Propone una cucina tradizionale all’interno di ambienti caldi e accoglienti. Aperti 7 giorni su 7 dalla colazione alla cena, i ristoranti Ca’ Pelletti sono il luogo ideale per ritrovi tra amici, cene aziendali o pranzi di lavoro. 

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter