Filiera garantita

Controllata, certificata, garantita, corta: la filiera è il tema del momento nel mondo del food e sempre più spesso appare sulle confezioni dei prodotti che acquistiamo al supermercato.

A rilevare l’emergere di questo fenomeno è l’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy che, analizzando le etichette di 72.100 prodotti alimentari di largo consumo venduti in Italia, stima che i soli 613 prodotti che riportano sulla confezione un richiamo alla filiera hanno generato nel 2018 oltre 259 milioni di euro di vendite, con un tasso di crescita pari a +14,1% rispetto all’anno precedente.

La comunicazione dei valori di filiera sulle etichette dei prodotti si concentra su quattro comparti: il più rilevante è l’ortofrutta confezionata (41,8% del giro d’affari generato dal paniere), seguito dal lattiero-caseario (29,0%), dall’aggregato carni e uova (17% di quota, +69,0% di sell-out) e dal quello dei prodotti a base di grano e altri cereali (12,2% di quota e +14,8% di vendite).

A registrare le migliori performance sono i prodotti che riportano in etichetta i claim “filiera controllata” (+12,3% di vendite annue) e “filiera certificata” (+5,4%), contenute ma positive anche quelle del claim “filiera corta” e “km 0” (+3,1%), mentre “filiera garantita” registra una battuta d’arresto (-11,8%).

Report completo: /archivioFiles/doc/osservatorio-immagino-2019-1.pdf

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter