Frutta secca

FRUTTA SECCA
 
SFATARE I MITI DELLO ZUCCHERO JENNETTE HIGGS, CONSULENTE DIETISTA, CALIFORNIA PRUNE BOARD


A ragione o torto, i consumi eccessivi di zucchero non sono visti di buon occhio dagli esperti del settore salute a causa dell’associazione tra elevata quantità di zuccheri “liberi” e scarsa qualità alimentare, obesità e incremento del rischio di malattie non trasmissibili – malattie cardiache, cancro, diabete, asma e malattie dentali sono le più diffuse a livello mondiale!
Gli zuccheri liberi includono i monosaccaridi e i disaccaridi che vengono aggiunti ad alimenti e bevande da produttori, cuochi o consumatori, e gli zuccheri presenti naturalmente in miele, sciroppi, succhi di frutta e succhi di frutta concentrati. Sarebbe quindi plausibile pensare che la frutta secca tradizionale sia esclusa dalle campagne di salute pubblica in corso, pensate per soddisfare le raccomandazioni dell’OMS sulla riduzione della quantità di zuccheri a meno del 10% del fabbisogno calorico giornaliero. O no?


L’accento è posto sulla riduzione delle bevande zuccherate e sullo zucchero presente in succhi di frutta e smoothie, poiché queste bevande ad alto apporto energetico vengono consumate in grandi quantità semplicemente per placare la sete! Oltre alla riduzione degli zuccheri, anche il ruolo protettivo delle fibre alimentari per ridurre i rischi connessi alla salute è ben noto.
Infatti, lo Scientific Advisory Committee on Nutrition in UK raccomanda la riduzione di zuccheri a meno del 5% dell’apporto energetico complessivo, oltre all’incremento della quantità di fibre da 25 g a 30 g al giorno. Per la maggior parte dei consumatori questo risultato sarebbe difficile da raggiungere e, proprio per questo, la frutta secca tradizionale potrebbe essere promossa per la sua importanza in una dieta salutare, per l’apporto dell’elevata quantità di fibre alimentari in un formato naturale e dolce al palato.


La frutta secca, quindi, dovrebbe essere raccomandata dai professionisti della salute come parte della soluzione – giusto? Sembra di no, per diverse ragioni.
La popolarità degli snack alla frutta trattati, con quantità variabili di frutta in pezzi, in prima linea, succhi di frutta concentrati e altre forme di zuccheri aggiunti (per esempio lo sciroppo di glucosio nelle guarnizioni per lo yogurt), purtroppo, stanno confondendo i confini tra i prodotti dolciari, che si trovano a un estremo (con quasi il 100% di zuccheri) e la frutta secca tradizionale che si posiziona all’altro estremo (non ha zuccheri aggiunti).
Gli snack trattati alla frutta sono stati promossi come salutari, alcuni di loro millantano di contribuire ai cosiddetti “5 al giorno” e di essere adatti al pranzo fuori casa dei bambini, senza che i consumatori, fino ad ora, abbiano messo in discussione questa percezione. Un sondaggio effettuato nel Regno Unito nel 2015  sugli snack alla frutta salutari per i bambini ha rivelato che l’85% conteneva più zuccheri delle caramelle Haribo (più di 4 cucchiai di zuccheri a porzione). 


Report di questo tipo hanno contribuito all’attenta valutazione che l’industria ha fatto sul ruolo della frutta e degli zuccheri come vantaggio per la salute,  ma c’è un lungo percorso da fare poiché sembra che, sia consumatori, sia professionisti della salute non facciano una distinzione automatica tra frutta con zuccheri aggiunti e frutta pura al 100%. Dato che lo zucchero assume una connotazione negativa, è necessario proteggere la frutta secca tradizionale per far sì che non sia inserita nel calderone dei prodotti zuccherati e poco sani! 
In secondo luogo, la frutta secca è inclusa nella lista di alimenti da limitare al consumo durante i pasti a causa del loro potenziale effetto dannoso sui denti. Nel sito di NHS (National Health Service) nel Regno Unito è presente la seguente affermazione – ‘una porzione di 30 g di frutta secca, come ribes, datteri, uvetta e fichi, conta come una delle tue 5 porzioni di frutta al giorno, ma dovrebbe essere mangiata durante i pasti, non uno spuntino tra due pasti, per ridurre l’impatto sui denti’ 

Potenzialmente questo è un caso vero di leggenda metropolitana, con il rischio che si tramandi nel tempo, in modo incontrollato, e che venga inclusa come dato di fatto nei nuovi consigli sulla salute! Il California Prune Board ha preso sul serio la questione e ha commissionato una revisione della letteratura scientifica per trovare la fonte dei consigli negativi sulla salute dentale associati alla frutta secca.
La salute orale è una questione complessa e risultati preliminari evidenziano una mancanza di dati coerenti; per questo è necessaria una ricerca più approfondita per assicurare evidenze fondate su prove scientifiche. Le precedenti ricerche erano centrate sul fatto che la frutta secca si attaccasse ai denti, ma metodi di ricerca più avanzati sfidano queste assunzioni. Le prugne possono portare potenziali benefici alla salute dentale, come la stimolazione del flusso di saliva attraverso masticazione; le proprietà antimicrobiche causate dall’alto contenuto di polifenoli; l’azione di pulizia effettuata dalle fibre; e una bassa fermentabilità dovuta all’elevata quantità di sorbitolo e al basso contenuto di saccarosio nelle prugne. 


La frutta secca tradizionale è semplicemente frutta fresca a cui è stata rimossa l’acqua, con questo presupposto la frutta secca dovrebbe essere un’alternativa valida a quella fresca. Sfortunatamente anche gli opinion leader non sono chiari sul relativo contenuto di zucchero nella frutta secca e, in questo modo, nel migliore dei casi, può essere vista come un’opzione migliore rispetto ai prodotti dolciari – ben lontani dalla frutta fresca! L’adozione dei consigli di salute dentale e del consumo di frutta secca limitato ai pasti, quindi, è stato un passo naturale. Questo mina il ruolo potenziale della frutta secca come snack salutare alternativo agli spuntini tipici che possono contenere un quantitativo maggiore di zuccheri, grassi e sale!

Questa visione non è nuova per l’industria della frutta secca, infatti, un eccellente report pubblicato nel 2011  riassume  il punto di vista di un gruppo di scienziati il quale sostiene che la frutta secca tradizionale possa e debba essere considerata al pari di quella fresca e quindi contribuire al raggiungimento del maggior consumo di frutta e verdura necessari per il miglioramento delle condizioni sanitarie. 

Come industria abbiamo bisogno di fare di più per sganciare la frutta secca tradizionale dai prodotti di frutta trattati; correggere la disinformazione con una comunicazione accurata e ricerche di alta qualità; e riposizionare la frutta secca tradizionale come una scelta di snack salutare – come è sempre stato in molte parti del mondo, ad esempio nelle aree del Mediterraneo orientale e nel Medio Oriente! La frutta secca tradizionale ha un’opportunità per contribuire al miglioramento delle abitudini dei consumatori in fatto di spuntini, se sono incoraggiati a farlo! 

Benefici nutrizionali della frutta secca tradizionale: Contiene solo zucchero presente naturalmente, senza zuccheri aggiunti.


California Prune Board
Il California Prune Board opera sotto l’autorità del Department of Food & Agriculture della California e rappresenta 900 coltivatori e 29 confezionatori di prugne della California, supportando la vitalità dell’industria. Il California Prune Board è il più grande produttore di prugne nel mondo ed esporta in 72 paesi. 

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter