News & Mercati

FederBio

FederBio: sempre più bio nel mondo. L’Italia può conquistare la leadership

43,7 milioni di ettari a biologico, 60 miliardi di euro di valore di mercato, 2,3 milioni di operatori: questi i numeri del biologico a livello mondiale riportati dall’edizione 2016 di “The World of Organic Agriculture” di FiBL e IFOAM.

Un trend positivo confermato dal costante aumento della domanda da parte dei consumatori (+ 11% solo negli Stati Uniti) e dalla conversione di sempre più agricoltori e aziende agricole al bio.

“Il bio rappresenta un mercato sempre più in espansione, sia da un punto di vista di produzione che di vendite –
commenta Paolo Carnemolla, Presidente di FederBio - Si tratta di un’agricoltura che tutela il benessere dell’uomo, dell’ambiente e dell’economia e dunque rappresenta un modello concreto globale di sviluppo. Anche in Italia il trend rispecchia i dati presentati dal “The World of Organic Agriculture” dove da un decennio il mercato del bio ha tassi di crescita a due cifre, sia nel canale specializzato che nella GDO. Come evidenziato dai dati Nielsen / Assobio presentati alla fine di gennaio 2016 l’incremento delle vendite in GDO nell’anno di dodici mesi chiuso il 22 novembre 2015 è stato del 20%, con vendite per 863,8 milioni. E' ora che l'Italia comprenda la straordinaria potenzialità di questo mercato per rilanciare la competitività del proprio sistema agricolo, lanciando un piano nazionale di conversione al biologico che, dopo EXPO Milano e con un utilizzo mirato dei fondi europei, ci ponga alla testa di questo fenomeno a dimensione globale”.

Il mercato globale del bio cresce
Organic Monitor conferma che il mercato del biologico globale ha raggiunto nel 2014 il valore di più di 60 miliardi di euro (80 miliardi di dollari). Gli Stati Uniti rappresentano il mercato trainante con 27,1 miliardi di euro, seguiti da Germania (7,0 miliardi di euro), Francia (4,8 miliardi di euro) e Cina (3,7 miliardi di euro). I Paesi con il più alto valore di spesa pro capite per prodotti bio sono la Svizzera (221 euro) e il Lussemburgo (164 euro).

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter