Rapido accrescimento

Carne di pollo a rapido accrescimento: anche in Italia problemi di qualità e benessere animale

Su Rai 3, “Indovina chi viene a cena” ha mostrato, anche grazie a immagini fornite da CIWF, come la carne di pollo a rapido accrescimento normalmente commercializzata negli USA, può avere qualità e consistenza talmente scarse da essere definita “spaghetti meat”. Le patologie alla base di questa problematica sono presenti in razze di polli a rapido accrescimento comunemente allevate anche in Italia. CIWF Italia Onlus invita ad acquistare carne proveniente da polli a più lento accrescimento, che sono meno soggetti all’insorgenza di patologie e hanno un maggiore potenziale di benessere animale, producendo carne di migliore qualità.
 
La carne di pollo che si trova comunemente in vendita proviene per la stragrande maggioranza da polli a rapido accrescimento. Si tratta di polli selezionati geneticamente allo scopo di ottenere il maggiore incremento di peso corporeo nel minore tempo possibile.
Questo processo di selezione, oltre ad avere impatti pessimi sul benessere di questi animali, che vengono macellati in genere fra i 39 e i 42 giorni di vita, pregiudica seriamente anche la qualità della carne che, a causa di patologie muscolari degli animali, può presentare una consistenza molto dura (wooden breast o petto legnoso), con forti striature di grasso nel petto che possono causare processi di necrosi (white striping) o con la cosiddetta consistenza “a spaghetti” (spaghetti meat).

In Italia – Secondo gli ultimi dati italiani disponibili riportati in una recente review, il 50% dei polli nel nostro Paese è affetto da white striping[i], e secondo i risultati di una ricerca condotta fra il 2017 e il 2018 su 16.000 petti di pollo, il 42% dei campioni presentava livelli moderati e il 18% livelli severi di petto legnoso. Il 20% dello stesso campione presentava, inoltre, la condizione chiamata spaghetti meat[ii]. 

Di seguito: carne di pollo con spaghetti meat, wooden breast e white striping  



















Lo studio britannico sulle razze commerciali più allevate nel mondo – L’insorgenza di problematiche qualitativa della carne è una tendenza evidenziata anche in un recentissimo report commissionato dall’organizzazione inglese RSPCA, che ha messo a confronto i livelli di benessere animale e di qualità della carne di polli a lento e rapido accrescimento, analizzando, per il secondo, le performance delle tre razze più allevate a livello globale e nel nostro Paese.

I risultati hanno evidenziato chiaramente che:
Fino al 78% dei polli mostra white striping (contro il 10% di quelli a lento accrescimento)
Fino al 23,4% dei polli mostra il petto legnoso (contro appena l’1% di quelli a lento accrescimento)
Per i polli a crescita rapida aumenta in maniera significativa la necessità di rinnovare la lettiera per mantenere buone condizioni ambientali, con una richiesta di trucioli di legno approssimativamente superiore del 67% durante il ciclo produttivo
La mortalità complessiva è maggiore (fino all’11%) e c’è una probabilità fino a 3 volte maggiore che i polli soffrano di zoppie nei polli a crescita rapida, mentre quelli a lento accrescimento mostrano una mortalità ridotta (5.2%) e migliori capacità di movimento
In termini di benessere animale, gli indicatori monitorati nello studio hanno evidenziato che:
I polli a rapido accrescimento diventano inattivi già a partire da nove giorni di vita e, arrivati a 37 giorni, spendono i tre quarti del tempo seduti senza mostrare attività di alcun tipo, mentre quelli a lento accrescimento passano solo il 51% del tempo in questa posizione
In sole due settimane i polli a crescita rapida dimezzano il tempo che passano in piedi (passando dal 10% a 16 giorni a meno del 5% a 37 giorni) e camminano molto meno (da meno del 5% di tempo passato a camminare a 9 giorni all’1% a 37 giorni, contro il 13% osservato nelle razze a lento accrescimento a 37 giorni)
I polli a crescita rapida mostrano condizioni fisiche più carenti: solo una percentuale compresa tra il 23,5 e il 40,7% dei polli a rapido accrescimento mostra garretti sani, in confronto all’80% di quelli a crescita più lenta
I polli a crescita rapida sono fortemente limitati nell’espressione dei comportamenti naturali.
Valori nutrizionali alterati - La struttura e la funzionalità del muscolo influiscono sulla qualità della carne[iii]. Alcuni studi hanno paragonato petti di pollo normali con altri affetti in modo severo da white striping rilevando importanti variazioni nei valori nutrizionali fra cui un aumento del contenuto di grassi del 224%, una diminuzione del contenuto di proteine del 9% e un aumento delle calorie[iv].

Secondo CIWF Italia Onlus “queste patologie, con grande probabilità, provocano sofferenze in animali il cui stato fisico è già estremamente compromesso a causa della selezione genetica orientata esclusivamente al profitto”. E aggiunge: “Noi possiamo fare la differenza preferendo razze a lento accrescimento, riducendo quindi la sofferenza di questi animali e acquistando, inoltre, un prodotto di migliore qualità”.
 
________________________________________
[i] https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/1541-4337.12431
[ii]  https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/1541-4337.12431
[iii] Velleman, Sandra G. “Relationship of Skeletal Muscle Development and Growth to Breast Muscle Myopathies: A Review.” Avian Diseases 59, no. 4 (December 2015): 525–31. doi:10.1637/11223-063015-Review.1
[iv] PETRACCI, M., MUDALAL, S., BABINI, E. and CAVANI, C. (2014) Effect of white striping on chemical composition and nutritional value of chicken breast meat. Italian Journal of Animal Science 13: 179-183.

 

Registrazione newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter